TRATTAMENTO TUINA DI RIEQUILIBRIO ENERGETICO

                                                    Tecnica Gun Fa, peculiarità del massaggio Tuina

Il Massaggio Tuina rappresenta la più antica forma di trattamento al corpo di cui si abbia notizia certa e documentata. Le sue origini si perdono nel passato e i primi documenti scritti sono del 400 a.c., dove viene associato al DaoYin (l'odierno Qi Gong) come pratica salutare per la prevenzione e cura delle malattie.

Pilastro della MTC (Medicina Tradizionale Cinese) assieme alla Fitoterapia, al Qi Gong e all'Agopuntura, contribuisce in modo sinergico alla corretta circolazione del Qi (la nostra energia vitale).

Non esiste un massaggio Tuina "standard", ma il trattamento viene di volta in volta personalizzato sulla base della valutazione energetica effettuata e sulle successive indicazioni ricevute.

In questo modo la costruzione del trattamento avviene miscelando opportunamente le diverse tecniche, scelte come più idonee tra le molteplici possibili.

Il trattamento può inoltre prevedere l'utilizzo di determinati strumenti, largamente previsti in MTC , noti con il nome di Tecniche Complementari, dove la Moxibustione, Coppettazione e Guasha sono i maggiormente utilizzati.

 

 

VALUTAZIONE ENERGETICA

La prima fase del trattamento prevede una valutazione di tipo energetico effettuata attraverso diverse tecniche (colloquio, Wai Qi Liao Fa, valutazione polsi e lingua,...). L'esito della valutazione aiuta a determinare le aree da sottoporre principalmente a riequilibrio. Questa fase richiede un tempo adeguato al primo appuntamento (da 30' a 60'), di circa 10' gli appuntamenti successivi

MAPPATURA

Dopo la presa di contatto, l'operatore inizia il trattamento con l'intenzione di distribuire uniformemente l'energia sul corpo del ricevente.

Questa fase prevede l'utilizzo congiunto della digitopressione di diversi punti di agopuntura, nonchè diverse manovre tra cui l'utilizzo di una tecnica unica utilizzata esclusivamente dal Tuina: Gun Fa.

TRATTAMENTO

Terminate le fasi precedenti, sulla base delle indicazioni ricevute nonché delle percezioni dell'operatore, viene effettuato il trattamento vero e proprio.

Complessivamente la durata varia da 30-40 a 60 minuti (compresa la fase precedente).


TECNICHE COMPLEMENTARI

Jiu (lavorare con il fuoco) o Moe Kusa (erba che brucia) sono le due modalità con cui questa tecnica è conosciuta, poi confluite nel termine più noto di Moxibustione.

Attraverso l'utilizzo di un'erba, l'Artemisia (assenzio selvatico), è possibile utilizzare con varie modalità il calore nei trattamenti di diversi quadri dolorosi. La perfusione del calore  in profondità, eseguita in modo piacevole e rilassante, permette il miglioramento di molte condizioni (ad esempio mal di testa, ansia,

irritabilità, insonnia, depressione, diarrea, dolori articolari e cervicali, problemi
digestivi o mestruali, bronchiti, vampate di calore, feto podalico, pallore, brividi, stanchezza, malattie croniche).
  

L'utilizzo di Coppette è noto in tutto il mondo, ma la tradizione si è particolarmente mantenuta nelle Medicine Orientali, dove ancora oggi è una tecnica largamente utilizzata. In particolari recipienti (vetro, silicone, bambù) viene prodotto il vuoto e applicate sul corpo con diverse modalità (fisse, strisciate, intermittenti).

Lo scollamento dei tessuti, l'effetto ventosa, il richiamo del sangue sono tutte modalità con le quali vengono risolte diverse sintomatologie (cervicali, dorsali, lombalgie, articolazioni inferiori e superiori). Sempre con tali strumenti vengono trattati anche quadri estetici del volto e del corpo, quali ad esempio ritenzione idrica e cellulite.

Il GuaSha è una tecnica che prevede lo strofinamento superficiale del corpo mediante strumenti di molteplici forme e materiali, che complessivamente prendono il nome dalla tecnica stessa. Una traduzione letterale del termine sarebbe "Strofinare lo Sha", dove per "Sha" si intende una particolare condizione prevista nelle medicine orientali classificabile come Stasi (cattiva circolazione) del Sangue. Questa tecnica è particolarmente efficace su condizioni dolorose acute, come i dolori al capo, al collo, spalle e schiena, lombalgie, in particolare se riconducibili a quadri da Freddo e Umidità.

OPERATORE TUINA - CURRICULUM VITAE

 

Fabrizio Fontana

Via Ugo Teglio, 7 44123 Ferrara

Tel. 328 8538596

 

fabrizio.fontana@energhya.it

 

Competenze Acquisite

 

Ho iniziato l’attuale percorso di Operatore Olistico, ai sensi della legge 4 del 14/01/2013, studiando e applicando la tecnica della Riflessologia Plantare, conosciuta a seguito di un trattamento ricevuto.

Il cammino è successivamente proseguito attraverso l’acquisizione di tecniche di trattamento al corpo, e l’apprendimento di competenze specifiche (campane tibetane, cristalli, pranoterapia e altre) attraverso un corso di formazione biennale dedicato agli Operatori Olistici. Ho sviluppato un particolare interesse nell’utilizzo degli Oli Essenziali, che applico a necessità su punti di agopuntura secondo indicazioni della MTC, senza però acquisire competenze come Aroma-terapeuta.

 

Nel frattempo mi sono diplomato Coach ad una scuola accreditata AICP (Associazione Italiana Coach Professionisti) concludendo un percorso iniziato quasi quindici anni prima.

 

Ho studiato e applicato in molteplici occasioni massaggi terapeutici quali Il Lomi Lomi Nui e il Californiano, e diversi trattamenti Ayurvedici, oltre alla già citata Riflessologia Plantare.

 

Ampliando la mia conoscenza nelle Riflessologie sono diventato prima Operatore di Riflessologia Facciale, terminando poi il percorso come Riflessologo Facciale.

 

Compreso come la mia strada dovesse contemplare lo studio della Medicina Tradizionale Cinese (MTC), ho iniziato e portato a termine il percorso per diventare Operatore Tuina e Istruttore di Qi Gong, entrambi della durata di tre anni, proseguendo tuttora in uno studio e una pratica personale che considero senza fine.

 

Lavoro attuale

Opero nel mio studio a Ferrara applicando tutte le tecniche che ho appreso, privilegiando Il trattamento Tuina, che rappresenta la mia tecnica preferita, contemplando anche le c.d. tecniche complementari quali Moxa, Coppettazione, Guasha e altre. Un altro ambito importante è rappresentato dalle Riflessologie del piede e del volto. Insegno Qi Gong in diverse sedi, anche in provincia di Ferrara, organizzando corsi settimanali e/o lezioni individuali per il recupero psicofisico. Insegno anche la Medicina Tradizionale Cinese, in corsi online e in presenza, comprensivi delle tecniche complementari sopra citate.

 

Sono il presidente di un’associazione di promozione sociale, che ho contribuito a fondare diversi anni fa, che contempla tra gli scopi sociali la promulgazione del benessere della persona, scopo che raggiungiamo organizzando seminari, corsi ed altre molteplici attività dedicate ai soci.

 

 

Sono il referente di Ferrara dell’Associazione Onconauti, che ha lo scopo del recupero del benessere per chi si è ammalato di tumore ed è stato sottoposto a operazioni o cure particolarmente invasive. Tale scopo viene perseguito attraverso lo sviluppo di percorsi della durata di tre mesi (denominati centri integrati per il recupero oncologico) che prevedono, oltre a supporti in campo medico (nutrizione, psicoterapeutico), anche l’applicazione delle tecniche sopra riportate (tuina, riflessologie, coaching). Per tale associazione svolgo anche un’attività di docente olistico in un progetto che prevede il recupero psicofisico dell’onconauta direttamente a domicilio nel caso di anziani “fragili”, utilizzando Tuina, Riflessologie e Qi Gong.                                                                                                                

CONOSCI IL MASSAGGIO CALIFORNIANO?

Progettato da un equipe di medici, fisioterapisti, psicologi e massaggiatori, è stato utilizzato per lungo tempo per il recupero psicofisico dei soldati americani post vietnam. Viene definito il RE dei massaggi...